Foto rubate alle star, privacy online violata dagli hacker: come è successo e come evitarlo

By Arianna Galati | Small Business

Jennifer Lawrence (ANSA)Jennifer Lawrence (ANSA)Nella sera del 31 Agosto una serie di post caricati da un utente anonimo sul sito di image board 4chan ha scatenato un putiferio di dimensioni mondiali: foto privatissime di nudi personali di molte attrici di Hollywood sono state scaraventate in pasto alla rete, moltiplicandosi notevolmente nel giro di poche ore. A testimonianza della veridicità delle immagini, lo sconosciuto hacker ha pubblicato un’immagine del proprio desktop con le cartelle incriminate, piene di foto e video personali delle celebrità.

Quelle che hanno fatto più scalpore sono state le foto di nudo di Jennifer Lawrence, l’attrice di Hunger Games, tra le più esplicite e riconoscibili, ma altrettanto divulgate sono state quelle di Ariana Grande, Lea Michele e Kate Upton. La lista delle personalità dalle foto compromettenti hackerate dal misterioso utente è stata resa nota e sta facendo tremare gli uffici legali di mezza Hollywood: sia Kate Upton sia Jennifer Lawrence hanno affidato ai portavoce i comunicati stampa sulle denunce che coinvolgeranno chi verrà trovato in possesso delle fotografie o le divulgherà sui propri profili social.

4chan, il sito dove sono state publbicate le foto rubate4chan, il sito dove sono state publbicate le foto rubateTra le interessate dall’attacco hacking che ha sottratto le numerose immagini ci sono state un paio di smentite come quella di Victoria Justice, che ha rivelato che le sue foto sono dei fake ad arte, mentre Mary Elizabeth Winstead ha confermato via Twitter: stando a lei le sue immagini sarebbero vere, scattate anni fa assieme al marito e poi cancellate. Come siano arrivate in possesso dell’hacker con così tanta distanza nel tempo resta un mistero, o forse no.

Una spiegazione al furto delle immagini è stata data da alcuni siti ed esperti di informatica, che attribuiscono la responsabilità alla mancata sicurezza dei dati personali nei servizi di cloud per l’immagazzinamento dei file sugli hard disk virtuali. A quanto pare il leak delle immagini sarebbe stato reso possibile da una violazione continua di account cloud, al quale probabilmente erano sincronizzati i cellulari e i computer delle celebrità incriminate per il trasferimento dei dati.

Il più celebre servizio cloud per la sincronizzazione di immagini e dati è quello di Apple, che con iCloud permette lo scambio di dati tra i dispositivi quali iPhone, iPad e iMac. Dall'azienda di Cupertino non hanno ancora fatto sapere nulla su eventuali provvedimenti in merito, anche perché in effetti non è stato dimostrato il coinvolgimento di Apple nella vicenda.

La realtà è che potrebbe essersi benissimo trattato di un errore personale nella gestione delle password, spesso scelte a cuor leggero, più che di una falla nella sicurezza del sistema di iCloud: in fondo basta conoscere un minimo una persona o ricostruire le sue passioni per riuscire a indovinare una password ed entrare in posta elettronica, o negli account di archiviazione dati online.

La raccomandazione degli esperti è quella di utilizzare password complicate e ricche di caratteri alfanumerici mescolati per renderne più difficile la decrittazione; inoltre si possono utilizzare altri servizi di sicurezza, come nel caso di Google, Facebook e Twitter che offrono la verifica in due passaggi con consegna di un codice sul proprio numero di cellulare per l’accesso al profilo personale. Anche Apple si è attivata per questa doppia sicurezza, che però non è ancora disponibile su tutti i dispositivi.

La lista delle celebrità interessate dal leak delle fotografie private è la seguente:

Aly e AJ Michalka, Aubrey Plaza, Abby Elliott, Avril Lavigne, Amber Heard, Brie Larson, Candice Swanepoel, Cara Delevigne, Emily Ratjakowski, Farrah Abraham, Gabrielle Union, Hayden Panettiere, Hope Solo, Hilary Duff, Jenny McCarthy, Kaley Cuoco, Kate Upton, Kate Bosworth, Keke Palmer, Kim Kardashian, Kirsten Dunst, Krysten Ritter, Lea Michele, Lizzy Caplan, Mary Kate Olsen, Mary Elizabeth Winstead, Rihanna, Scarlet Johansson, Selena Gomez, Vanessa Hudgens, Wynona Ryder, Alison Brie e Dave Franco.

Cosa sa il web di noi? E come difendersi dagli atttacchi?
Ecco i consigli di Tech Rules per vivere meglio con la tecnologia

Subscribe to our mailing list
* indicates required
Small Business Services